5 aprile 2011

6

Giacomo Leopardi



e mi sovvien l’eterno,
e le morte stagioni, e la presente
e viva, e il suon di lei. Così tra questa
immensità s’annega il pensier mio:
e il naufragar m’è dolce in questo mare.

Giacomo Leopardi, L’Infinito.

♪   Zeus - giacomo leopardi

6 .:

Dea ha detto...

uhm.. una telefonata.

DolcePrinciFessa ha detto...

Leopardi era notoriamente brutto e depresso... e non ti ci vedo proprio ;-) ciò non toglie che abbia scritto delle gran cose... un bacio

sogno ha detto...

Dea con leopardi? :)

sogno ha detto...

Ila credimi che non mi sono mai informato sul come era... ma qualche gnocca che gli girava attorno l'avrà pure avuta!! ;)

DolcePrinciFessa ha detto...

uhm... no... aveva in testa solo la Silvia... e lei non se lo filava neanche di striscio... era gobbo e viveva la malformazione fisica come causa del rifiuto di Silvia... ha ben poco a che vedere con te ;-) forse ti vedo quasi più "Silvia"! ahahahahahahahahahahah

sogno ha detto...

era preso maluccio.. si si, meglio Silvia ;)

 

© dream.... WRONG
Revolution Elements by Blozard. Original WP theme by Jason Schuller | Distributed by Deluxe Templates